Bislacchi - Gabinetto d’Artisti

Nicola Facchini
Eric Gerini

Atrio Monumentale- ASP ITIS

dal 22.02 al 07.04.2019

Inaugurazione
22 Febbraio 2019 ore 17.30

Con questa bipersonale il progetto ARCA si concentra sui giovani artisti della regione Friuli Venezia-Giulia, considerando il lavoro delle nuove generazioni elemento imprescindibile della programmazione di uno spazio quale è l'Atrio Monumentale dell' ASP-ITIS, concepito come luogo di incontro culturale per le persone più diverse. Nicola Facchini e Eric Gerini sono nati a Trieste e si conoscono fin da giovani. Entrambi hanno studiato all'Accademia di Belle Arti di Venezia e sono un esempio molto significativo del fatto che la pittura, anche se spesso dichiarata morta negli ultimi decenni, è ancora viva e ha un futuro davanti.
Nell'opera di Eric Gerini vi sono motivi ricorrenti legati agli eventi e alle vicende, anche tragiche come quelle belliche, della storia del XX secolo. Sono immagini che ci costringono ad interrogarci su quanto è accaduto. La tecnica pittorica del giovane artista triestino evoca, in un primo momento, il legame con il freddo foto-realismo di un maestro come Gerhard Richter. Poi però Gerini si distanzia dal grande pittore tedesco, e trasforma i soggetti fotografici, che gli sono serviti come spunto iniziale, grazie all’utilizzo di diversi strati di pigmento dai toni seppia o ricorrendo ad insolite cromie, così da modificare il motivo originario in una sorta di mondo fantastico che attira e tiene l’attenzione dello spettatore.
Nicola Facchini, invece, rappresenta la sua visione attraverso una pittura molto più espressiva, con suggestioni che rimandano all’Espressionismo e al Post-impressionismo. Le sue nature morte, ma anche i suoi ritratti e le sue sculture, mostrano allo spettatore un mondo sottosopra che oscilla fra colori scuri e dettagli quasi sgargianti.
Il titolo della mostra Bislacchi - Gabinetto D'Artisti è composto di due elementi, il primo è una reminiscenza della terra d’origine dei due artisti, il Friuli Venezia Giulia, una regione dalle complesse stratificazioni storiche, culturali e linguistiche. Bislacco era un soprannome dato ai veneziani friulani e agli slavi istriani, e indicava una persona un po’ strana, dai modi di fare stravaganti. Il secondo elemento del titolo, Gabinetto D'Artisti, si riferisce al luogo in cui Gerini e Facchini lavorano insieme, La Poltrona Viola, un laboratorio per lo scambio di idee, incontri e confronti, che ricorda il clima dei movimenti o dei sodalizi artistici del passato, e che, oggi come allora, a volte è caotico e agitato, e altre volte invece sereno, riflessivo e silenzioso.

Darius Bork

Eric Gerini, (Trieste,1990), è laureato in Pittura all'Accademia di Belle Arti di Venezia. Dal 2011 partecipa attivamente a mostre italiane e internazionali presentando le sue opere calcografiche e pittoriche realizzate con diverse tecniche sperimentali.

Nicola Facchini, (Trieste,1991), è laureato in Pittura all'Accademia di Belle Arti di Venezia. Dal 2011 ha preso parte a diverse mostre italiane e internazionali esponendo le sue opere scultoree e pittoriche realizzate con diverse tecniche sperimentali. I suoi quadri sono stati presentati in Cina e nei Balcani, oltre che in numerosi altri paesi europei.

Sono entrambi componenti, Gerini come membro e Facchini come co-fondatore, della Fondazione Malutta, attiva a livello internazionale nel campo dell’arte figurativa e recentemente protagonista di esposizioni a Roma e Tirana.

Nicola Facchini nel luglio 2017 ha aperto La Poltrona Viola, uno studio di pittura e spazio sociale a Trieste in via Ginnastica 40/B, che condivide dal gennaio 2018 con Eric Gerini. Sono entrambi coautori del progetto MoneTA. La Poltrona Viola è uno spazio di esposizione e condivisione artistica aperto alla socializzazione, alla sperimentazione e alla ricerca nelle arti figurative.

Darius Bork (Colonia, 1965) è un ex gallerista con attività in Spagna fra il 1992-2002. Come curatore d'arte contemporanea ha diretto la Fondazione Starke di Berlino, assumendo poi la direzione artistica del Freies Museum Berlin. Dal 2016 vive e lavora tra Berlino, Trieste e Zagabria, dove collabora con la nuova fiera d'arte Art Zagreb. A Trieste collabora con diverse istituzioni e gallerie, fra cui Trieste Contemporanea / Studio Tommaseo. Nel 2017 ha fondato a Vienna un'associazione artistica denominata Triennale Trieste Eventi per promuovere una futura triennale per l'arte, la scienza e l'innovazione a Trieste. Il suo interesse principale si focalizza sugli artisti contemporanei emergenti.